HOME

PREMIO DRAMMATURGICO CARLO ANNONI 2019

Per la seconda edizione del premio Annoni sono pervenuti in totale 689 testi di cui 149 italiani (+49 verso edizione precedente) e 540 in lingua inglese (+518 verso edizione precedente).
La maggioranza dei testi in lingua inglese proviene dagli Stati Uniti, poi da Australia, Brasile, Canada, Cina, Finlandia, India, Inghilterra, Irlanda, Scozia, Islanda, Israele, Portogallo, Russia, Turchia, Nigeria).
Il grande successo internazionale dice molto della rilevanza culturale che ha acquisito il Premio Annoni già al secondo anno e anche della rilevanza del tema.

La giuria è al lavoro. La premiazione si terrà a Milano al Piccolo Teatro Paolo Grassi di via Rovello il 21 settembre alle ore 16.30 nell’ambito del FESTIVAL TRAMEDAUTORE.

Il premio Carlo Annoni è riservato a testi teatrali a tematica gay e sulle diversità nella sfera dell’amore.

Nel 500° anniversario della morte di Leonardo Da Vinci dedichiamo il Premio Carlo Annoni 2019 a tutti coloro che in Italia e nel mondo lottano per aver riconosciuto il diritto di amare e contro le discriminazioni dovute all’orientamento sessuale.

Una volta aver provato l’ebrezza del volo, quando sarai di nuovo coi piedi per terra, continuerai a guardare il cielo.“
Leonardo Da Vinci

Il premio per il vincitore ammonta a 1000 € sia per testi in italiano che in inglese.

Menzioni speciali:

  • Una menzione speciale verrà assegnata a un testo che metta al centro la condizione dei richiedenti asilo che ogni anno lasciano il proprio paese perché vittime di persecuzioni che riguardano l’orientamento sessuale.
  • Una menzione speciale verrà assegnata a corti teatrali della durata di 10 minuti per favorire la diffusione del teatro nelle scuole, locali, eventi.

I testi devono essere inviati entro il 30 aprile 2019 all’indirizzo  info@premiocarloannoni.eu

Non viene richiesta una quota di partecipazione.
Verranno presi in considerazione anche testi già rappresentati nei due anni precedenti.

La premiazione si svolgerà nel mese di settembre 2019.
Sul sito verrà creata una “biblioteca” dei testi pervenuti a disposizione delle compagnie teatrali: chi desidera che il suo testo entri a fare parte della biblioteca virtuale deve esprimere il suo  consenso al momento dell’invio del testo, fermo restando che tutti i diritti rimangono all’autore.